Crea sito

Archive for the Category » libri romantici «

Quando leggerai questa lettera di Vincente Gramaje

Amo le storie dove i protagonisti rimangono colpiti da un evento, una persona o un oggetto e si avventurano in viaggi per scoprirne di più.

La vicenda narrata in questo libro segue questo filone. Il protagonista questa letteraVictor, è un medico che ha lasciato la professione per i sensi di colpa dopo la morte della moglie per un cancro al seno, cancro che non le aveva saputo diagnosticare in tempo, errore ripetuto in seguito con un altro paziente, al quale nonostante le lastre, non aveva trovato un tumore al polmone, finito poi in metastasi. Il doppio errore lo condanna a sentirsi un incapace, quindi mette da parte il lavoro e si dedica ad altro.

Durante un viaggio in Nord Africa, assiste a degli scavi archeologici dove vengono rinvenuti ammassi di ossa. In mezzo alle ossa emerge anche una bottiglia di vetro che contiene un foglio di carta.
In un momento di distrazione degli addetti, riesce a mettersi nella sacca la bottiglia. Giunto in albergo è combattuto tra l’idea di romperla per vedere cosa contiene, e quella di lasciarla integra come un cimelio. Alla fine la rompe e tra le mani si trova una lettera indirizzata a una donna spagnola.

Affascinato all’idea di restituire la lettera alla legittima proprietaria, o perlomeno ai suoi eredi, visto che le ossa trovate sono i resti dei soldati caduti nel 1921 nella disfatta di Annual, Victor inizia un viaggio per portare avanti questo suo progetto.

A mio parere, la storia sarebbe molto bella se non fosse inframmezzata dalle continue descrizioni della vita dei soldati durante la guerra del 1921 per mantenere il protettorato in Marocco. Ho trovato questi capitoli piuttosto noiosi e troppo lunghi, e pesanti nella vicenda. E’ giusto infatti far conoscere a chi apparteneva la bottiglia, ma indugiare troppo nelle descrizioni delle battaglie e della vita sul campo alla lunga non convince.

Nonostante questo, le ultime pagine del libro mi hanno commossa, il finale è comunque molto bello.
Ma il libro mi ha convinta solo a metà.

Voto 6,5/10

Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole

Sembra strano ai nostri giorni leggere un romanzo epistolare, eppure Novemila giorni e una sola notte (come al solito, meglio il titolo originale, Letters from Skye) è un romanzo in cui l’intera vicenda è raccontata da lettere.

novemila ebookLettere tra Elspeth, la protagonista e il suo ammiratore che poi diviene innamorato, ai tempi della Prima Guerra Mondiale; lettere tra sua figlia Margaret e il suo innamorato Paul durante la Seconda Guerra Mondiale, e lettere che si scrivono gli altri personaggi del romanzo.

E’ un romanzo che racconta una storia d’amore, quella di Elspeth, che non ha mai voluto raccontare nulla del suo passato alla figlia Margaret, liquidando sempre le sue domande con la risposta: “Il primo volume della mia vita è esaurito”.
Ma quando Elspeth se ne va di casa senza dare spiegazioni, Margaret comincia a indagare sul passato della madre.
E sono le lettere che ci portano per mano a scoprire una storia d’amore travagliata, ai tempi della guerra. Dove tutto è più difficile ma dove anche gli attimi si caricano di valore prezioso. Inoltre le lettere sono ironiche, spesso con buffi botta e risposta. Durante la lettura di questo libro non ci si annoia mai.

E quando si arriva all’ultima pagina si può chiudere la storia con un senso di soddisfazione, tutto quello che ci si aspettava di sapere non è rimasto in sospeso.

L’unica perplessità che ho avuto è il linguaggio in alcune lettere, mi sono chiesta se alcuni termini di uso odierno fossero davvero utilizzati nel 1914, ma forse dipende solo dalla traduzione.
Un altro libro da consigliare per una bella domenica pomeriggio da passare accoccolati sul divano…

Voto 8,5/10

Category: ebook, libri romantici  Comments off

Miss Alabama e la casa dei sogni di Fannie Flagg

Miss AlabamaDevo iniziare premettendo che ho adorato Pomodori Verdi Fritti alla fermata di Whistle Stop di Fannie Flag, quindi mi aspettavo un libro ugualmente interessante. Ma questo non raggiunge livelli simili. E’ un libro che si legge con piacere, ma non porta con sé l’ansia smodata di finirlo.

La trama racconta di una simpatica signora americana, Maggie Fortenberry, che da giovane è stata eletta Miss Alabama e per questa ragione è rimasta piuttosto famosa.
Maggie fa l’agente immobiliare, da quando ha conosciuto Hazel, una donna in miniatura con una straordinaria forza di volontà, che riusciva a rendere felici tutti coloro che le stavano accanto, prima di lasciare precocemente questo mondo.

Maggie ha compiuto sessant’anni e ha deciso di concludere la sua vita con un suicidio perché sente di non avere più nulla di bello nella sua vita. Progetta il suo piano nei minimi dettagli, ma ogni giorno qualcosa accade e la costringe a rimandare il suo proposito.

Di mezzo c’è uno spettacolo dei dervisci rotanti, che Maggie è molto curiosa di vedere, e soprattutto l’abitazione dei suoi sogni che è in vendita e che Maggie non vede l’ora di togliere alla sua nemica di sempre Babs Bingington.
Si scopre anche che la villa cela un mistero che Maggie è intenzionata a scoprire.

Giorno dopo giorno la data del suo suicidio si sposta sempre più in là…

Un libro da leggere tranquilli in una giornata d’inverno, capitoli brevi e ambientazioni che rimandano, tra le altre cose, al divario tra bianchi e neri ai tempi di Obama.

Voto 7/10

Category: libri cartacei, libri romantici  Comments off

Il segreto della bambina sulla scogliera di Lucinda Riley

La bambina sulla scogliera

Questo libro mi ha ricordato un po’ le atmosfere di Cime Tempestose, anche se con il dovuto rispetto delle differenze tra un romanzo di narrativa e un romanzo classico della letteratura.

Momenti del passato e del presente si intrecciano in una storia che ripercorre le vicende della famiglie Ryan e Lisle.
La piccola Aurora Lisle passa il suo tempo sulla scogliera di Dunworley Bay in Irlanda, inseguendo il fantasma della madre, morta tragicamente proprio in quel luogo.
Una scultrice americana, Grania Ryan, che è tornata in Irlanda per sfuggire a un momento doloroso, nota la bambina ed intreccia con la piccola un rapporto di affetto profondo.
Grania deve superare le reticenze di sua madre per farsi raccontare la verità sulle vicende che hanno legato le due famiglie dai primi del ‘900. E scopre così una vicenda ricca di tormenti, segreti e scelte dolorose.
Anche Grania si trova a vivere momenti dolorosi, ma la vicinanza della piccola Aurora la aiuta a superare le difficoltà.
Un libro che si legge senza difficoltà, in alcuni momenti rallenta un po’ il ritmo, ma poi la storia ritorna a farsi interessante.
Lo consiglierei a chi vuole sempre avere un bel libro sul comodino da leggere prima di addormentarsi.

Voto: 7,5

Category: libri cartacei, libri romantici  Comments off