Crea sito

Archive for the Category » ebook «

L’ordine del triangolo oscuro di Serena Versari

L’altro giorno ho visto comparire questo libro nella timeline di Facebook di un’amica, e da amante delle vicende oscure, fantasy e soprannaturali, mi sono molto incuriosita. Mi è bastato accendere il Kindle per iniziare subito a leggerlo, e l’ho divorato…

ordine triangoloLa vicenda inizia con una tragedia. La tredicenne Maya, è figlia di due genitori poco presenti, regista lui, attrice lei, che per compensare la loro incapacità di darle affetto le hanno comprato montagne di regali.
Al ritorno da un viaggio, i suoi genitori sembrano quelli di sempre ma quella stessa notte Maya subisce un attacco sanguinario da parte del padre che tenta di accoltellarla. La ragazza si fa scudo con la Bibbia che la sua cara nonna le aveva donato.

Dopo la tragica esperienza,  Maya si risveglia in un monastero delle Clarisse. E’ ospite di sua zia Margherita, suora, che le racconta che entrambi i suoi genitori non ci sono più. Facendosi forza, per cinque anni Maya vive con le suore, rispettando i loro regolamenti.
Ma quando compie 18 anni giunge il momento di tornare nel mondo esterno. Poiché tutti i possedimenti dei suoi genitori sono stati sequestrati per pagare i debiti, Maya andrà a lavorare in campagna vicino ad Arezzo.

Qui conosce persone molto gentili, come Bruno, suo figlio Lucas e l’amico Andrea, ma anche qualcuno che non la sopporta: Samantha, la fidanzata di Lucas. E acquisisce la consapevolezza del suo dono, la capacità di vedere e parlare con i morti.
Presto Maya si troverà in pericolo, vittima di una setta, L’ordine del triangolo oscuro, a capo della quale è proprio suo padre, che non è morto e che è ancora bisognoso del sangue di sua figlia per evocare i demoni, in un rituale satanico.

Lettura avvincente, questo ebook è scritto bene ed è da leggere tutto d’un fiato. Molto vicino ai miei gusti, sono stata veramente contenta di averlo scoperto.

Voto 8/10

Category: ebook, libri fantasy  Comments off

L’armonia dell’Acero di Vincenzo Cariello

L'armonia dell'acero.Ho finito da poco questo ebook acquistato per il Kindle.
La storia mi ha incuriosita perché racconta la vicenda di Claudia, una ragazza che dedica con amore le proprie cure alle piante malate.
In particolare a un Acero che è stato trascurato da chi doveva occuparsene e versa in pessime condizioni.
Da qualche tempo Claudia accusa dei disturbi di salute, una tosse insistente e quando va da Fabrizio suo cognato, riceve la notizia più devastante: ha un tumore al polmone.
La sua reazione è immediata, non vuole fare nulla per salvarsi. Da subito immagina di essere senza speranze e non vuole sottoporsi a inutili sofferenze.

Ma mentre la malattia cresce dentro di lei,  l’Acero riguadagna salute, Claudia conosce Matilde una bambina che si è salvata da una leucemia che tutti credevano senza speranza di guarigione, ritrova il suo ex fidanzato e cerca di chiarire le cose con  Alice sua sorella, per riparare il rapporto con lei che è in bilico a causa di un uomo conteso.

Claudia comincia a dialogare con il cancro dentro di sé e arriva perfino a una sorta di accettazione perché è a partire dalla diagnosi che sta cominciando a rivedere la sua vita.

Mentre Claudia si convince a reagire alla malattia ed è pronta a combattere… il libro finisce e io ci sono rimasta male, tanto che ho pensato che il download dell’ebook si fosse troncato in malo modo.

Invece no, è proprio il libro a finire repentinamente e questo mi sembra un po’ un difetto.
Ma forse l’autore ha voluto fermarsi nel punto cruciale per lasciare a noi lettori il senso della storia… tuttavia io amo di più i libri che si concludono tirando e chiudendo tutti i fili della vicenda (opinione personale). Comunque è stato una lettura piacevole.

Voto 6,5/10

Novemila giorni e una sola notte di Jessica Brockmole

Sembra strano ai nostri giorni leggere un romanzo epistolare, eppure Novemila giorni e una sola notte (come al solito, meglio il titolo originale, Letters from Skye) è un romanzo in cui l’intera vicenda è raccontata da lettere.

novemila ebookLettere tra Elspeth, la protagonista e il suo ammiratore che poi diviene innamorato, ai tempi della Prima Guerra Mondiale; lettere tra sua figlia Margaret e il suo innamorato Paul durante la Seconda Guerra Mondiale, e lettere che si scrivono gli altri personaggi del romanzo.

E’ un romanzo che racconta una storia d’amore, quella di Elspeth, che non ha mai voluto raccontare nulla del suo passato alla figlia Margaret, liquidando sempre le sue domande con la risposta: “Il primo volume della mia vita è esaurito”.
Ma quando Elspeth se ne va di casa senza dare spiegazioni, Margaret comincia a indagare sul passato della madre.
E sono le lettere che ci portano per mano a scoprire una storia d’amore travagliata, ai tempi della guerra. Dove tutto è più difficile ma dove anche gli attimi si caricano di valore prezioso. Inoltre le lettere sono ironiche, spesso con buffi botta e risposta. Durante la lettura di questo libro non ci si annoia mai.

E quando si arriva all’ultima pagina si può chiudere la storia con un senso di soddisfazione, tutto quello che ci si aspettava di sapere non è rimasto in sospeso.

L’unica perplessità che ho avuto è il linguaggio in alcune lettere, mi sono chiesta se alcuni termini di uso odierno fossero davvero utilizzati nel 1914, ma forse dipende solo dalla traduzione.
Un altro libro da consigliare per una bella domenica pomeriggio da passare accoccolati sul divano…

Voto 8,5/10

Category: ebook, libri romantici  Comments off

Cose incredibili che facciamo per amore di Roisin Meaney

Avete presente quelle domeniche di pioggia, in cui la cosa più bella è starsene su un divano con una coperta a leggere un libro rilassante? Ecco, Cose incredibili che facciamo per amore appartiene al genere di libro da domenica pomeriggio oziosa.
cose incredibiliLa prima cosa piacevole è che si svolge in Irlanda, e questa per me è una ragione in più per leggerlo.
Tutto ruota intorno ad un corso di disegno dal vero, con modella nuda, attorno al quale si muovono  le vite di diverse persone abitanti nella stessa cittadina, Carrickbawn.

I personaggi sono diversi, ognuno con i suoi problemi: Anne deve imparare a vivere da sola dopo la separazione dal marito, e lo fa applicando regole maniacali alla propria esistenza,
Fiona è incinta ma il suo compagno non sembra essere così felice come lei si sarebbe aspettata, Zarek è immigrato dalla Polonia, ma porta con sé un segreto che non riesce a rivelare, Michael possiede un negozio di animali, si comporta in maniera burbera ma è solo perché ha bisogno di imparare di nuovo ad amare, James vive con la figlia ma di sua moglie non si sa più nulla, Irene è mamma contro la sua volontà e la sua poca attitudine viene fuori in ogni suo gesto, Jackie, la modella è mamma di Eoin, e si innamora di James, Audrey l’insegnante vive la sua vita solitaria ma non sa che il destino ha in serbo qualcosa di nuovo anche per lei.

Se c’è un difetto in questo libro, è che le vicende dei vari personaggi sono raccontate una dietro l’altra e si fa un po’ fatica, specie all’inizio a distinguere i vari personaggi, poi man mano si scopre che molti sono già collegati tra loro al di là del corso di disegno.

Il romanzo è comunque molto piacevole e lo consiglio per una bella lettura serena, di quelle che poi lasciano con il sorriso.

Voto 7/10

Category: ebook  Comments off

BRÛLANT di Anita Borriello

Infinite sono state le volte in cui ho letto libri proposti da svariate case editrici, che contenevano errori grossolani di italiano, capacità di scrittura al minimo sindacale, e ho dovuto sempre chiedermi: ma gli editor erano in vacanza?
Poi ho comprato un libro come questo, autoprodotto, e rivisto con il supporto di una editor personale, e sono rimasta stupita, perché è un libro con una scrittura quasi perfetta, e sicuramente non sfigurerebbe nelle collane di qualche casa editrice importante.

brulant anitaBrûlant è un libro carico di ambientazioni magiche, peraltro con spunti non improvvisati, ma documentati dalle Note finali con relativa bibliografia. Una lettura che mi ha appassionata perché apprezzo molto storie di questo tipo, quando non scadono nell’urban fantasy di bassa qualità e non è il caso di Brûlant.

La storia è principalmente basata sul rapporto amoroso tra Christian, che ignora di essere l’Archetipo, ovvero una delle anime più antiche e Brigitte che appartiene alla congrega delle Brûlant. Donne che tramandano la conoscenza spirituale, anche per mezzo della completa consapevolezza del loro passato (nel quale spesso sono state arse come streghe, da qui il nome della congrega) e delle loro reincarnazioni.

Hanno case madri a Roma, a Parigi, a Praga (descritta molto bene dall’autrice), cosa che per associazione di idee mi ha fatto tornare alla mente il Talamasca di Anne Rice, autrice che amo molto.

Christian e Brigitte si sono amati in diverse epoche, ma ogni volta la loro storia non ha avuto una buona fine, e anche stavolta nell’epoca corrente, la loro storia si interrompe per volere di Brigitte, spinta a questo dalle Sacerdotesse Madri della Congrega, perché l’Archetipo va protetto ma è proibito vivere una storia d’amore con lui.E la congrega opposta delle Zeussites trama per rendere tutto ancora più difficile.

Due cose mi hanno colpita, i riferimenti alla Porta Magica, che si trova a Roma e che da sempre mi affascina, e il racconto di un rito pagano come l’handfasting che conosco grazie a dei miei amici che lo hanno celebrato nella vita reale.

Consiglio davvero la lettura di questo libro, a chi ama le atmosfere oscure e misteriose.

E’ già uscito il secondo volume della saga, Indigo, e naturalmente lo sto già leggendo…

Voto 8/10

La voce invisibile del vento di Clara Sanchez

La parola con cui definirei questo libro è onirico, perché racconta di quello che in realtà è un lungo sogno…

La-voce-invisibile-del-vento-692x1024Spagna. Julia e Félix sono partiti per una vacanza al mare, con il loro figlioletto Tito. Hanno preparato i vari bagagli per il viaggio, ma come sempre accade manca qualcosa.  Ed è una cosa fondamentale: il latte per il piccolo che ha bisogno di mangiare e certo non può attendere.

Julia decide di uscire in auto per andare a cercare una farmacia per comprare il latte, ma quando esce con il sacchetto ed è pronta per tornare a casa, si rende conto di non aver fatto troppa attenzione alla strada percorsa  all’andata, e di non avere bene in mente dove si trova il residence che sarà la loro casa nel periodo di vacanza.

Prova a chiamare Félix ma non riceve risposta.

Da questo momento seguiamo Julia nella sua strana vita senza un orizzonte fisso, perché per quanti sforzi faccia, non riesce più a ritrovare la strada giusta.
Inizia quindi a vivere una vita che mai si sarebbe aspettata, rubando nei supermercati, frequentando gente poco raccomandabile e scoprendo una parte di sé che si potrebbe definire libera. Al contempo, ogni sforzo che Julia fa per mettersi in contatto con il marito finisce senza esito. Leggendo ci si chiede più volte: come potrà procedere questa strana vita in cui Julia si è ritrovata suo malgrado?

Il libro però racconta anche la storia dal punto di vista di Félix, il marito. E scopriamo che Julia in realtà non ha perso la strada, ma ha avuto un incidente e giace in coma in una stanza d’ospedale. Ovviamente Félix non è al corrente della vita onirica che Julia sta vivendo, e spende le sue giornate nell’attesa di un segnale di risveglio da parte di sua moglie. Ma si occupa anche di Tito e vive la sua paternità in maniera più profonda.

Anche su questo libro ho letto molte critiche negative. A me non è dispiaciuto, perché mi piacciono le storie introspettive, e immaginare che durante il coma si possa vivere una vita su un piano differente è un’idea che trovo affascinante.

Non mi sono annoiata, come ho letto in diverse recensioni al libro, ma invece mi sono trovata a riflettere su come la vita possa cambiare in un attimo, e su come possano esistere dimensioni a noi sconosciute.

Voto 7/10

Category: ebook, libri drammatici  Comments off

Autobiography di Morrissey

AutobiographyHo finito di leggere ieri l’Autobiografia di Morrissey, che in Italia uscirà l’anno prossimo, ma che grazie alla facilità con cui si acquistano gli ebook ho potuto avere in pochi secondi sul mio Kindle.

Prima devo fare qualche critica, del tipo perché un capitolo unico, lunghissimo, inframmezzato da foto, e formattato un po’ alla carlona? Questo non rende la lettura più piacevole.

Ci sono parti un po’ tediose, lunghissimo il racconto della guerra in tribunale con Mike Joyce ex Smiths e avido di soldi in una maniera incredibile. Una lunga parte in cui Morrissey racconta dei suoi video, uno per uno ed un’altra dei concerti. Ma certo chi legge questa biografia va in cerca anche di particolari non noti della vita del proprio mito (Morrissey non può essere altro che un mito…).

Così scopriamo di un mancato rapimento in Messico, poi di Gelato, l’amico con cui condivide il periodo romano dove soggiorna all’Hotel de Russie per quasi un anno e con il quale fa lunghe passeggiate serali a Villa Borghese, passando per via Ulisse Aldrovandi piena di prostitute, molte delle quali uomini.

Scopriamo la sua grande confidenza con la sua amica iraniana Tina Dehghani con la quale arriva addirittura a pensare l’impensabile pensiero di dar vita a un piccolo mostriciattolo miagolante (!).

Scopriamo l’atteggiamento da Regina di Siouxsie, che sarebbe capace di “fissarti immobile mentre muori agonizzante sulle strisce pedonali”,  l”ossessione dei giornalisti che scrivono sempre male di Morrissey e alterano completamente il senso delle sue parole,  e il curioso episodio in cui Morrissey viene invitato a partecipare a un episodio di Friends, purché canti con voce “fortemente depressa”, clausola che fa scappare Morrissey a gambe levate.

Si imparano quindi tante piccole curiosità sulla vita di Morrissey, ed è ancora più bello leggere questo libro in inglese perché spessissimo vengono fuori giochi di parole con i titoli o i versi delle canzoni scritte da lui.

Una cosa che mi ha colpita è stato l’abbondare di morti tra i suoi amici, parenti, musicisti, produttori ecc…quasi un’ecatombe che ignoravo. E la riflessione sul cancro che si porta via in brevissimo tempo sua zia Rita, l’impossibilità di fermare qualcosa che sembra inesorabile, e che succhia via la vita da dentro. E se un momento Rita vuole vivere, dopo tanta sofferenza è anche pronta a lasciarsi andare al sonno eterno.

Alla fine del libro, pur avendo letto alcune pagine con momenti di noia inesorabile e poi picchi di interesse vivace, ho concluso che Morrissey è sempre Morrissey e sono felice di aver letto anche questo libro (che tra l’altro in Uk ha suscitato un vespaio di polemiche essendo stato pubblicato nella collana dei classici Penguin). Ma Morrissey è unico, forse è questa la ragione di una scelta così controversa…

Voto 7/10

Recensione pubblicata anche su Stories from the Underground

Category: ebook, libri da rileggere  Comments off

Rosa Candida di Audur Ava Olafsdóttir

Rosacandida1Mentre leggevo questo libro, ho immaginato di portarlo con me in un giardino silenzioso. Di fermarmi nella stessa panchina solitaria e di leggerne un capitolo al giorno. Pagina dopo pagina questo libro mi ha trasmesso un enorme senso di calma e di “slow life”.

Lobbi (il soprannome del protagonista) è un ragazzo di 22 anni, con una passione sconfinata per le piante. E’ padre quasi per caso. Dopo un rapporto occasionale con una ragazza, Anna, lei rimane incinta e decide di tenere la bambina, che si chiamerà Flóra Sól.
Lobbi assiste anche al parto, sebbene tra lui e la madre della piccola ora non ci sia nessun rapporto sentimentale.

Per dare una svolta alla propria vita, Lobbi decide di fare un viaggio e di andare in un monastero del Nord a curare un roseto. Ma durante il viaggio viene colto da un attacco di appendicite e a fargli compagnia in ospedale saranno le piantine con cui viaggia. Sono la Rosa Candida, una rosa che sua madre, morta in un incidente, amava molto.

Lobbi si ambienta nel monastero e fa amicizia con uno dei monaci che sa interpretare ogni situazione della vita accostandola a un film. E la sua videoteca diviene scuola quotidiana di saggezza.
Fino a che Anna e la piccola Flóra Sól bussano alla sua porta.

La vita di Lobbi viene sconvolta e il giovane si scopre padre affettuoso, pronto ad imparare giorno dopo giorno a cucinare prelibatezze sempre più complicate per Anna e per la figlia.

Questo libro porta con sé un grandissimo potere rilassante. Lo paragonerei a una bella camomilla fumante, di quelle che allontanano la tensione dopo una giornata pesante.
Le vicende narrate, per quanto semplici, portano con loro una grande corrente di pace, che distacca dalla frenesia quotidiana. Un libro che probabilmente in futuro rileggerò per tornare a riviverne le atmosfere così quiete.
Voto 9/10