Crea sito

Come se fosse ieri di Irene Vanni

come se fosse ieriHo comprato questo libro, incuriosita dall’immagine dei Duran Duran in copertina.
Immaginavo un libro adatto alle “ragazze sopra i trent’anni e più”, per così dire.

E non mi sbagliavo. Il libro ripercorre 25 anni di vita di 4 amiche, dal primo concerto dei Duran Duran nel 1987, all’evento che si ripete con il concerto del Tour 2012.
In mezzo, appunto ci sono i 25 anni di vita di Laura, Simona, Cinzia e Manuela che ai tempi del concerto del 1987 avevano solo 15 anni. Ma il racconto si lega direttamente al vecchio concerto, presentandoci le amiche come sono ora.

I cambiamenti e l’evoluzione delle loro vite non sono stati sempre positivi,Laura è senza lavoro e senza qualcuno da amare davvero. Anche il giovane musicista Mattia che conosce in un locale, non è qualcuno da amare sul serio.
Simona è da tempo l’amante a ore di un professore piatto e monotono, senza alcuna prospettiva per il futuro.
Cinzia, separata e insoddisfatta cerca conforto in un giovane accompagnatore per donne sole, ma in fondo vorrebbe anche attenzioni sincere.
Manuela è malata, gravemente, e appena saputo del probabile concerto dei Duran Duran scrive alle amiche di farla felice portando sua figlia Federica al concerto.
Nei mesi che precedono il concerto, quando ormai Manuela è morta, le vite delle altre amiche vengono progressivamente cambiate, e la spinta propulsiva è il ricordo e l’emozione della fuga da quindicenni per vedere i Durans.

Questo libro insegna che spesso si può ancora cambiare la propria esistenza, basta avere lo stimolo giusto.
Anche io c’ero al concerto del 1987 e a quello del 2012.
Ho dunque capito bene il ripercorrere delle emozioni, il guardarsi indietro ma poi anche avanti che c’è in questo libro. Perché forse è dal passato che possiamo imparare come andare avanti nella vita con il coraggio di non abbandonare le vere noi stesse.

Lettura consigliata!
Nb. I titoli dei capitoli sono tutti titoli delle canzoni dei Duran Duran…
Voto 8/10

You may also like...

2 Responses

  1. Irene Vanni ha detto:

    Grazie mille per la recensione!